Castelli Romani

La meta preferita dei ricchi Patrizi

I Castelli Romani sono impreziositi da borghi e castelli medievali, deliziose cittadine, paesi antichi, ville di pregio e resti archeologici che esaltano i circa 9.500 ettari il Parco regionale dei castelli romani ubicati sui colli Albani nei secoli antichi considerati luoghi di villeggiatura delle ricche famiglie patrizie nonché oggi ricchi di una fauna di assoluto interesse.

L’area del parco fa parte di sedici comuni, alcuni dei quali circondati da mura antiche in perfetto stato di conservazione, chiese, palazzi, minuscoli vicoli, rocche, torri e da una sede dell’enoteca comunale dove di possono assaggiare i pregiati vini DOC prodotti.

La Via Appia dei Castelli Romani

Genzano di Roma è raggiungibile attraverso una strada panoramica collocata lungo la via Appia. Il centro storico è ricordo di testimonianza del passato con importanti monumenti artistici come palazzo Sforza Cesarini del settecento, circondato da un meraviglioso parco secolare. La chiesa di Santa Maria della Cima è abbellita da una suntuosa pala di Francesco Cozza. Degni di nota anche la Chiesa dei Cappuccini del XVII secolo e la Chiesa della Santissima Trinità.

Ariccia (anticamente chiamata Riccia o la Riccia) è abbellita da palazzo Chigi, una struttura architettonico-urbanistico del barocco europeo con all’interno arredi originari, saloni impreziositi di decori e stucchi, mobili d’epoca, ritratti di donne della famiglia Chigi e rari parati in cuoio stampato. Il centro storico è ornato dalla Chiesa di San Nicola di Gian Lorenzo e Luigi Bernini.

Albano Laziale e il suo Duomo in stile baracco, la porta Pretoria, la chiesa circolare romanica di Santa Maria della Rotonda, un anfiteatro romano, sepolcro degli Orazi e Curiazi, catacombe del III secolo di San Senatore e un museo civico con reperti preistorici e protostorici. Un borgo con vista sul Lago Albano e ancora oggi avente un funzionante deposito idrico sotterraneo costruito da Settimo Severo. Presso villa Ferrajoli, si trova il museo civico con importanti reperti archeologici.

Castelgandolfo, meglio noto come la meta di villeggiatura di eccellenza dei papi trasformata nel 1623 da Urbano VII in palazzo Pontificio con il suo osservatorio astronomico conosciuto come la “Specola Vaticana” in quanto antica residenza della famiglia Savelli, la chiesa di San Tommaso di Villanova del Bernini, la porta Romana del cinquecento e villa Clodio dell’era repubblicana.