Feltre

Borgo incastonato tra le pendici delle Dolomiti

Il Borgo di Feltre è situato in Provincia di Belluno alle pendici delle Dolomiti. L’antica Feltria fu edificata dai Reti. In epoca imperiale, si sviluppò come centro economico ed urbanistico nonché divenne Municipio Romano. Collocata sulla Via Claudia Augusta Altinate, strada che da Altino, sulla Laguna Veneta, portava attraverso il Brennero fino in Baviera. Le invasioni di Goti fecero decadere Feltre che passò ai Longobardi del ducato di Ceneda. La città fu successivamente assoggettata a Carlo Magno e poi al successore Berengario Re d’Italia.

Tra il XIII° e il XIV° secolo la città fu implicata nelle tragiche vicende legate alla signoria degli Ezzelino Da Romano. Fu posta sotto il potere dei Da Camino, poi dei Carraresi dal 1315 al 1337, gli Scaligeri ed infine ai Visconti di Milano. Nel 1404 la città passò sotto la Repubblica di Venezia che le assicurò un periodo di pace e prosperità. Nel 1509, fu distrutta dalle truppe di Massimiliano I° d’Austria. Dopo la ricostruzione, Feltre diventò un bel delineato centro architettonico ed urbanistico dai canoni estetici e culturali del Rinascimento.

Dal seicento, la città conobbe il suo declino e l’economia entrò in crisi. Con la caduta di Venezia del 1797 fu conquistata dai Francesi e nel 1798 dagli Austriaci. In seguito al trattato di Campoformio, fece parte del Regno Italico con capitale Milano. Dopo il Congresso di Vienna, fu inserita nel Regno Lombardo Veneto dipendente dall’Impero d’Austria dove vi rimase fino al 1866, anno della sua annessione al Regno d’Italia. La Piazza Maggiore è circondata dai portici dei Palazzi Romani Cingolati, da quelli Palladiani del Palazzo della Ragione che accoglie il teatro della Sena. Il Palazzo Pretorio con la sua sala degli Stemmi.

La Chiesa dei SS. Rocco e Sebastiano con vicino le Fontane Lombardesche. Sopra la Torre dell’Orologio e il Castello di Alboino con la torre longobarda del Campanon. Il Duomo Cattedrale è dedicato a San Pietro e San Prosdocimo e sotto il suo sagrato si sviluppa un’area archeologica di circa 1000 mq. – conseguenza di campagne di scavo e restauri eseguiti dagli anni ’70. L’architettura militare è presente sul Castello, la Porta Imperiale, Porta Oria e Porta Posterla.

Degni di nota sono il Museo Civico istituito nel 1903 con ricca pinacoteca che conserva una Pala del Cima da Conegliano, la Galleria d’Arte Moderna Carlo Rizzarda, un importante artista del ferro battuto dei primi anni del novecento.

Il Museo Diocesano ha sede nell’antico Vescovado situato all’interno della cittadella. Il Palazzo della Ragione riedificato dopo la distruzione del 1510 e abbellito dal Loggiato Palladiano del 1558, ospita Il Teatro de la Sena, ovvero “della scena” capolavoro di grande bellezza e valore.

Il Palio di Feltre

Una città d’arte, di storia e di cultura, ma anche la Città del Palio che ogni prima domenica di agosto rivive questa tipica manifestazione a ricordare i secoli passati.