Storia di Roma

La città dei Papi

Roma è situata nel capoluogo della Provincia di Roma ed è il Comune più grande d’Italia per estensione. La città fa parte dei Patrimoni dell’umanità dell’Unesco. La città con la sua storia di Roma vanta una narrazione trimillenaria con la sua capitale di Impero romano che si estendeva dal Mediterraneo a quasi mezza Europa oltre al potere ecclesiastico accumulato nei secoli dovuto allo Stato Pontificio ed i suoi papi che si sono succeduti.

Storia di Roma

La città è uno scrigno di beni storici e architettonici tra i più influenti al mondo; basti pensare al centro storico con le sue mura aureliane di quasi tre millenni oltre alle proprietà della Santa Sede. La città è il simbolo per antonomasia della cristianità cattolica e l’unica al mondo ad avere la Città del vaticano quale stato straniero.

Si narra che Roma fu eretta da Romolo il 21 aprile del 753 a.C.; per 244 anni ebbe un sistema monarchico con regnanti di origine latina, sabina ed etrusca. La tradizione narra sette re d Roma: Romolo, Numa Pompilio, Tullio Ostilio, Anco Marzio, Tarquinio Prisco, Servio Tullio e Tarquinio il Superbo.

La Storia di Roma insegna che fu una repubblica oligarchica già nel 509 a.C. con lotte tra patrizi e plebei e guerre a svantaggio di popolazione italiche, Etruschi, Latini, Volsci, Equi, Galli, Osco, Sanniti e la colonia greca di Taranto alleata con Pirro, Re dell’Epiro che ne permise la sottomissione della penisola italica fino alla Magna Grecia.  Il III e il II secolo a.C. furono contrassegnati da varie conquiste romane del Mediterraneo e dell’Oriente. Nella metà del II secolo e nel I secolo a.C. invece, ci furono considerevoli rivolte, guerre civili e dittature.

I primi secoli dell’impero furono governati da Ottaviano Augusto ed altri imperatori appartenenti alla dinastie Giulio-Claudia che provvederono alla costruzione del Colosseo e dagli Antonini dove ci fu la propagazione della religione cristiana di Gesù Cristo.

Con l’ascesa al potere nel 284 di Diocleziano, nelle provincie attigue vi era un altissimo tasso di corruzione, così lo stesso Diocleziano provvedè a nominare Augusto per la parte orientale e Valerio Massimo per quella occidentale questo al fine di una migliore governance. Costantino, con l’editto di Milano del 313, promulgò libertà di culto al cristianesimo con la realizzazione di numerose basiliche e consegnò a Papa Silvestro I il potere civile, fondando Costantinopoli a oriente. Romolo Augusto, il 22/08/476 sancì la fine dell’Impero Romano d’occidente con l’inizio della presenza barbarica in Italia e con sempre più l’affermazione della Chiesa cattolica e, nel 756,  ci fu la nascita dello Stato Pontificio (Patrimonium Sancti Petri) e Roma ne divenne capitale.

Il cambiamento radicale della città avvenne con la realizzazione del nuovo centro da parte del papa Niccolò V e la realizzazione della nuova basilica di San Pietro e il controllo assoluto dei pontefici per circa quattro secoli. Successivamente, le potenti famiglie cardinalizie cominciarono a costruirsi nuove dimore sulle colline circostanti. Il dominio papale fu interrotto nel 1798 con la proclamazione della Repubblica Romana. Gli scavi archeologici in particolar modo del Foro Romano iniziarono nel 1808 da Antonio Canova che ebbe l’incarico da Napoleone per il nuovo riassetto della città.

Adorata dai turisti di ogni parte del mondo

Oggi Roma, con il suo centro di vita politica nazionale, centro della religione cattolica, capitale d’Italia e città metropolitana, con la sua storia e i sui gioielli architettonici e dell’arte si proietta con tutta la sua suntuosità verso i milioni di visitatori provenienti da ogni parte del mondo che in ogni stagione dell’anno la visitano.